Sessualità femminile e cancro

La vostra sessualità è cambiata da quando vi è stato diagnosticato il cancro e avete molte domande? Ecco le risposte più importanti.

Lega svizzera contro il cancro

11. June 2024

Donna allo specchio
La sessualità significa più del semplice rapporto sessuale. (Foto: Pexels)

Che cos’è la sessualità? 
La sessualità è uno dei nostri bisogni primari, perché le persone desiderano tenerezza e vicinanza. La sessualità non si riferisce solo al sesso in sé e ai processi puramente fisici. La sessualità unisce l’idea personale di essa, i sentimenti, i desideri e la fantasia. Fa parte dell’identità. A seconda della fase della vita o del modello di vita (ad esempio, coppia, famiglia, single), la sessualità è più o meno importante. La sessualità può essere sensuale e piacevole, ma può anche scatenare sentimenti di delusione. Presenta molte sfaccettature.

I fatti più importanti in breve 
Sessualità significa molto di più di un semplice rapporto sessuale. 
La sessualità è individuale, ha un significato diverso per ognuno e cambia nel corso della vita. 
Gli organi riproduttivi femminili comprendono la vulva (organo riproduttivo esterno), la vagina, l’utero, le tube di Falloppio e le ovaie (organi riproduttivi interni), nonché il seno femminile. L’eccitazione sessuale può essere influenzata attivamente. Il pavimento pelvico è noto anche come muscolo del piacere. Se hai domande sul tuo ciclo, rivolgiti al tuo ginecologo. Durante la menopausa non assumere alcun farmaco, se non in accordo con il tuo ginecologo.

Gli organi riproduttivi femminili 
Quali sono i genitali esterni? 
Comprendono la vulva con il clitoride, i corpi cavernosi clitoridei, le labbra della vulva, l’apertura uretrale e l’ingresso vaginale.

I problemi più comuni 
Perdita di libido 
“Ho un cancro all’intestino e sto facendo la chemioterapia. La diagnosi di cancro è molto stressante per me. Al momento non ho voglia di fare sesso, ma mi piace quando il mio ragazzo mi massaggia. Come posso dirglielo senza ferirlo? Il cancro e/o i sintomi associati possono influire sul desiderio sessuale. Forse non reagisci più agli stimoli erotici a cui sei abituata. Percepisci quindi questi stimoli come strani o inappropriati. Oppure non hai voglia di avere un rapporto sessuale con il tuo partner. Tale reazione è comprensibile. Molti malati perdono il contatto con il proprio corpo durante il trattamento. Sono grati che il loro cancro venga trattato. Tuttavia, le donne colpite si sentono in balia delle numerose procedure mediche.  
Per le numerose terapie o esami devi spogliarti spesso davanti a estranei, devi restare nuda o con pochi vestiti addosso. Questo viola la tua intimità. Può portarti a non voler più essere toccata dal tuo partner. Questa avversione al contatto fisico è spesso temporanea.  
Prenditi del tempo!

Domande frequenti su cancro, terapia e gravidanza 
Tutte le domande qui elencate sono esempi di ciò che potrebbe preoccuparti durante il trattamento del cancro. Se hai altre domande, rivolgiti al tuo medico.

Il cancro è contagioso? 
No, il cancro non è contagioso. Le cellule tumorali non si trasmettono toccandosi, baciandosi o avendo rapporti sessuali. Nemmeno se pratichi sesso orale o anale con il tuo partner. In caso di gravidanza, il cancro non verrà trasmesso al bambino. Parla con il tuo medico se molti membri della tua famiglia hanno o hanno avuto il cancro. Potrebbe trattarsi di una mutazione genetica che si trasmette di generazione in generazione. 
I genetisti, biologi che si occupano dell’ereditarietà delle malattie, possono rilevare queste cosiddette mutazioni genetiche con un esame del sangue.

Proteggiti 
Tuttavia, i rapporti sessuali non protetti con partner diversi aumentano il rischio di infezioni virali con i seguenti virus:  

  • Virus dell’epatite (tipo B o C) 
  • Virus dell’herpes 
  •  Papillomavirus umano (HPV) 
  • HIV 

Alcuni di questi virus aumentano il rischio di sviluppare il cancro. L’infezione da virus dell’epatite (tipo B o C) aumenta il rischio di sviluppare un tumore al fegato. Alcuni papillomavirus umani favoriscono il cancro al collo dell’utero (carcinoma cervicale), ad esempio.

Sarò radioattiva durante la radioterapia? 
Non sei radioattiva né durante la radioterapia esterna (radioterapia percutanea) né dopo la radioterapia interna (brachiterapia). Tuttavia, è necessario utilizzare una contraccezione sicura e non rimanere incinta nei sei mesi dopo il trattamento. Il tuo medico risponderà a qualsiasi altra domanda sulla radioterapia.

Come devo comportarmi durante la chemioterapia? 
Durante la chemioterapia, tracce del farmaco possono essere trovate anche nella vulva e nelle secrezioni vaginali, oltre che nello sperma. Questo può irritare le mucose del partner. Usare il preservativo per almeno i primi 2 giorni dopo la chemioterapia.

Quando devo astenermi dai rapporti sessuali? 

  • Dopo un intervento chirurgico all’addome, fino alla completa guarigione della ferita. 
  • Astieniti dai rapporti sessuali se provocano dolore.  
  • Dopo la radioterapia nell’area genitale. Attendere che la mucosa danneggiata sia completamente guarita.  
  • In caso di cancro al collo dell’utero o alla vescica, possono verificarsi sanguinamenti vaginali o durante la minzione. Questi possono aumentare con i rapporti sessuali. Astieniti dai rapporti sessuali in caso di sanguinamento. 
  • Il numero di piastrine del sangue (trombociti) può diminuire durante la chemioterapia, facendo aumentare il rischio di emorragia. Chiedi al tuo medico se è necessario astenersi dai rapporti sessuali. Il tuo sangue verrà analizzato regolarmente durante la chemioterapia.  

Tuttavia, in questo periodo non devi rinunciare all’intimità fisica, ai massaggi e alle carezze.  

Posso ancora avere un orgasmo nonostante il trattamento? 
Le pazienti che hanno già avuto un orgasmo in precedenza di solito lo raggiungono anche dopo il trattamento. Un nuovo inizio spesso non è facile. Molte donne devono riscoprire il loro corpo cambiato. Alcune donne hanno bisogno di nuovi metodi per eccitarsi sessualmente e raggiungere l’orgasmo. Concediti questo tempo.

Posso fare sesso anale? 
Sanguinamenti, lesioni o infiammazioni si verificano più frequentemente durante i rapporti anali. Questo rischio può aumentare durante la malattia oncologica. La chemioterapia può ridurre il numero di piastrine (trombociti) o di globuli bianchi (leucociti). Se le piastrine sono meno numerose, è più facile che si verifichi un’emorragia. Se il numero di globuli bianchi è basso, le difese si indeboliscono. 
Il rischio di emorragie, lesioni o infiammazioni è quindi maggiore. Se possibile, evita i rapporti anali. Oppure usa preservativi e lubrificante. Parla con il tuo medico se hai dubbi su alcune pratiche sessuali.

Il mio rapporto di coppia è a rischio perché devo astenermi dai rapporti sessuali?  
La tua guarigione ha la massima priorità. La maggior parte delle coppie ha in comune molto di più dell’appagamento sessuale. Non lasciarti mettere sotto pressione. Parla con il tuo partner delle tue paure. Se le paure persistono, è utile parlarne con uno psiconcologo o un terapeuta sessuale. La Lega regionale contro il cancro o la linea cancro possono fornirti indirizzi e contatti.

Trovare un partner se si ha il cancro? 
Le donne colpite dal cancro riferiscono di essere diventate più consapevoli dei propri bisogni durante la malattia. Scoprono nuovi interessi, praticano sport. Non è raro che le persone colpite diventino più sicure di sé e sappiano meglio cosa vogliono e cosa non vogliono in una relazione.  
Tuttavia, c’è ancora incertezza su come il nuovo partner reagirà alla malattia. Parlare delle proprie paure o insicurezze. Dovresti discutere dei cambiamenti fisici (ad es. mancanza del seno, protesi, stoma) prima di entrare in intimità fisica. A volte il “nuovo” partner deve prima elaborare queste informazioni e ha bisogno di tempo per sé. Ciò che sembra un “rifiuto” di solito c’entra con le tue paure e insicurezze. Concedigli questo tempo. Quanto più naturalmente affronterai te stessa, la tua esperienza di vita e i tuoi cambiamenti fisici, tanto più facile sarà per il tuo nuovo partner. 

Domande sul desiderio di avere figli  
Chiunque riceva una diagnosi di cancro in giovane età desidera soprattutto guarire. Tuttavia, i trattamenti antitumorali possono danneggiare gli ovuli. È quindi importante discutere del desiderio di avere figli con l’équipe curante prima di sottoporsi al trattamento oncologico.

Quali sono le domande da porre al medico? 

  • Posso avere figli nonostante il trattamento del cancro? 
  • Cosa posso fare per avere figli più tardi? 
  • Quali sono le possibilità di avere figli con gli ovuli congelati? 
  • Il trattamento della fertilità influenzerà il mio trattamento del cancro? 
  • Chi paga il trattamento di fertilità? 

Cosa puoi fare? 
Congelamento degli ovuli 
La procedura per questo trattamento è la seguente:  

  • Prima di sottoporti al trattamento oncologico, riceverai un trattamento di fertilità presso un centro specializzato (clinica della fertilità).  
  • Ti verranno iniettati farmaci per alcuni giorni, in modo da far maturare diversi ovuli nelle ovaie (stimolazione) 
  • Questi vengono prelevati dal medico per la riproduzione.  
  • Questi ovuli vengono solitamente congelati non fecondati.   
  • Questa procedura è nota come crioconservazione degli ovuli. 

Dopo il trattamento del cancro 
Per ottenere una gravidanza con questi ovuli congelati, è necessario ricorrere alla fecondazione artificiale (FIVET o ICSI). Gli ovuli vengono fecondati in vitro con lo sperma del partner. Il medico riproduttore reinserirà questi ovuli fecondati durante il trasferimento.  
Nella serie di podcast “Wissen gegen Krebs”, una giovane donna racconta la sua esperienza di “congelamento degli ovuli”.

Congelamento del tessuto ovarico 
Il ginecologo asporta un’ovaia intera o parte di essa. L’ovaia rimossa viene congelata. Dopo il trattamento del cancro, l’ovaia verrà reinserita. Se l’ovaia ricomincia a maturare gli ovuli fino all’ovulazione, è possibile rimanere incinta spontaneamente. Spontaneo significa senza supporto medico. 

Medicinali 
L’oncologo prescriverà dei farmaci inibire le ovaie. Ciò significa che nell’ovaia non maturano gli ovuli e non si ha l’ovulazione. Questi farmaci possono proteggere le ovaie dai danni causati dai trattamenti antitumorali.  
I risultati degli studi su questo trattamento non sono chiari. Parla con il tuo medico della possibilità di sottoporti a questo trattamento in supporto al congelamento degli ovociti.

Trasferire le ovaie 
L’irradiazione del bacino può danneggiare le ovaie. Per questo motivo, a volte vengono spostati verso l’alto e lateralmente per proteggerli da eventuali danni. Tuttavia, i medici eseguono questo trattamento molto raramente. Il medico potrà spiegarti se questo trattamento potrebbe essere sensato per il tuo caso.

Che cosa paga la cassa malati? 
In Svizzera, l’assicurazione sanitaria di base copre il congelamento degli ovuli (crioconservazione) per cinque anni. È necessario avere meno di 40 anni. Dovrai pagare tu stessa tutti gli altri trattamenti di fertilità (FIV).

Quando non è più possibile la gravidanza? 
Se l’utero è stato rimosso, non è più possibile rimanere incinta. Se il ginecologo ha dovuto rimuovere le ovaie, è possibile rimanere incinta solo con una donazione di ovuli.  Finora questo è consentito solo all’estero. Parla con il tuo medico.

Domande su gravidanza e cancro 
La terapia antitumorale provoca malformazioni nel nascituro? 
Una volta terminato il trattamento del cancro, non vi è un aumento del rischio di malformazioni nel nascituro. Tuttavia, le conoscenze degli esperti non sono sufficienti per escludere un rischio residuo.

Contraccezione durante il trattamento 
Non si deve rimanere incinta durante il trattamento del cancro. Anche la chemioterapia e la radioterapia influiscono sulla qualità degli ovuli. Questo può portare a malformazioni nel nascituro. È dunque molto importante utilizzare una contraccezione sicura durante e per qualche tempo dopo il trattamento.  
Dovresti pianificare una gravidanza solo nel periodo successivo al termine della terapia. 
Hai domande sulla pianificazione familiare? Parlane con il tuo medico.

Cancro e gravidanza 
La medicina ha fatto grandi progressi nel trattamento delle donne in gravidanza affette da cancro. Alcune donne iniziano il trattamento del cancro solo dopo il parto. Tuttavia, alcuni soggetti necessitano di un trattamento immediato. Molte donne colpite riescono a tenere il proprio figlio non ancora nato nonostante la terapia necessaria. Il trattamento che i medici consigliano a una donna incinta colpita dipende dal singolo individuo:  

  • In quale settimana di gravidanza viene diagnosticato il cancro alla paziente? 
  • Quanto è avanzato il cancro? 
  • Quanto aggressivo cresce il cancro? 

L’equipe di trattamento valuta attentamente i rischi per la madre e per il bambino. La chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia possono danneggiare il nascituro (feto), ma non necessariamente. Le malformazioni del nascituro sono molto rare e si verificano principalmente nelle donne che si trovano nel primo trimestre di gravidanza. Non tutti gli ospedali sono adatti al trattamento di donne incinte affette da cancro. Se necessario, chiedi quanta esperienza ha la tua equipe di cura e richiedi anche un secondo parere. Qui puoi leggere la storia di Fabienne Bartholdi, alla quale è stato diagnosticato un cancro durante la gravidanza.

Relazione di coppia e sessualità 
“Da quando ho avuto il cancro, abbiamo fatto sesso solo molto raramente. Questo mi pesa! Mi metto sotto pressione perché penso che dovrei concedere di nuovo del sesso al mio partner. Penso anche di doverglielo, dopo il lungo periodo di malattia e terapia. Allo stesso tempo, voglio prima elaborare tutte le esperienze del trattamento del cancro. Avrei bisogno di tempo per me stessa. La nostra relazione può resistere a questo?”

Relazione di coppia 
Le coppie hanno in comune molto più dell’atto sessuale in sé. Esistono numerosi modi per dimostrare al partner il proprio amore, per sentirsi legati e vicini. Ad esempio, la fiducia, gli interessi comuni, il rispetto, la tenerezza, un atteggiamento simile nei confronti della vita, l’umorismo e molto altro ancora hanno un effetto legante.

Come cambia il rapporto di coppia durante il cancro? 
Il cancro cambia la relazione di coppia. Forse i compiti devono essere ridistribuiti. Se ci sono bambini, devono essere seguiti e accompagnati in modo intensivo. Di solito c’è una “nuova” vita quotidiana. Questo può essere stressante perché tutta la famiglia deve abituarsi.  
Molte delle persone colpite sono fisicamente indebolite dal trattamento del cancro e hanno bisogno di un maggiore supporto per le faccende domestiche, la cura dei bambini o persino l’igiene personale. Questo cambia i ruoli in una relazione. Il tuo partner potrebbe sentirsi impotente e chiedersi come possa affrontare tutto questo, oltre a tutto il resto. I conflitti non espressi nel rapporto di coppia possono mettere ulteriormente a dura prova la relazione. Le donne colpite raramente sentono la necessità di avere rapporti sessuali durante il trattamento. Ma vogliono vicinanza e tenerezza. Alcuni malati vorrebbero anche avere conversazioni, serate rilassate a due o una passeggiata insieme. Alcune donne tendono ad affrontare il cancro da sole. Per questo, hanno bisogno di tempo per se stesse.

Cosa puoi fare tu o il tuo partner? 
Prenditi il tempo necessario 
Non c’è niente di giusto o di sbagliato nella frequenza dei rapporti sessuali con il partner. Soprattutto se il tuo corpo o le tue sensazioni fossero cambiate, potresti volerle esplorare prima da sola. Parla con il tuo partner di ciò che ti fa bene in questo momento. Non lasciarti mettere sotto pressione dal tuo partner o da altre persone.

Coinvolgere amici e familiari 
Abbi il coraggio di chiedere sostegno. Non è possibile continuare la vita di tutti i giorni come al solito. Soprattutto se hai figli, chiedi aiuto ad amici e parenti. Se non hai amici o parenti vicini a cui chiedere aiuto, rivolgiti alla tua Lega cantonale o regionale contro il cancro per conoscere i servizi di sostegno. Anche l’aiuto nelle faccende di tutti i giorni alleggerirà la pressione sulla coppia. Il tuo partner si sentirà meno obbligato a organizzare e fare tutto da solo.

Anche il tuo partner ha bisogno di tempo 
Anche il partner colpito emotivamente. Ha paura di perdere la persona amata. Il tuo partner è spesso insicuro e ha bisogno di tempo per elaborare questi sentimenti. Poi ci sono i nuovi compiti quotidiani. Forse il tuo partner non vuole farti del male e quindi ha paura di toccarti. Questo ti potrebbe sembrare un rifiuto. Parla con il tuo partner del suo allontanamento. Se non sei sicura, puoi anche mostrargli in quale modo ti piace essere toccata. Pensate insieme a come potreste incontrarvi amorevolmente al di fuori della vostra sessualità (ad esempio, piccoli regali, fiori, complimenti). Le seguenti domande per te stessa e per il tuo partner possono aiutarvi a riconoscere i vostri bisogni. Forse sono utili come introduzione a uno scambio reciproco.

Domande che potresti porre a te stessa  
Com’era la situazione prima della malattia? 

  • Com’era la mia sessualità prima della malattia? Descrivila 
  • Ero soddisfatta della nostra sessualità? 
  • Cosa mi piaceva? 
  • Cosa non mi piaceva? 
  • Quanto spesso abbiamo avuto rapporti sessuali? 
  • Possiamo godere dell’erotismo anche senza avere rapporti sessuali? 
  • Quanto era importante la sessualità per noi prima della malattia? 
  • Abbiamo parlato della nostra sessualità in passato? 

Com’è la situazione oggi? 

  • Sono soddisfatta della nostra sessualità? 
  • Mi fido del mio partner? Ho paura del suo rifiuto? 
  • Cosa mi spaventa? 
  • Cosa mi fa bene? Cosa mi provoca dolore? 
  • Cosa trovo di attraente in me stessa? 
  • Come mi sento di fronte ai cambiamenti del mio corpo? 
  • Cosa mi sento di fare? Di cosa ho bisogno per una sessualità appagante? 
  • Quali sensazioni o fantasie mi eccitano sessualmente? Sono cambiate a causa della malattia? 
  • Cosa inibisce la mia eccitazione sessuale? 

Altre domande “Coppia” 
Sei aperta alle “novità”? 

  • Voglio cambiare la nostra sessualità? 
  • Cosa significa questo per il mio partner? 
  • Sono pronta a provare qualcosa di “nuovo”? 

Come ci relazioniamo l’uno con l’altra? 

  • Cosa ci unisce? Interessi comuni, tenerezza, un rapporto di amicizia, questioni finanziarie? 
  • Come sta il mio partner? 
  • Cosa si aspetta da me? 
  • C’è una distanza percettibile tra di noi?  
  • La nostra interazione con gli altri è cambiata dopo la malattia? 
  • Abbiamo un linguaggio comune per il sesso? 
  • Quali sono i nostri bisogni in relazione alla sessualità? Sono simili? Diversi? Come ci comportiamo a riguardo?